Je so puzzle – Diario del Modulo Adulti

A cura di Adriana Parisi – Consigliere diocesano

Je so puzzle è il titolo del #modulo formativo del settore adulti che si è svolto a Roma Dl 6 all’8 Maggio. Sono stati tre giorni intensi e ricchi di riflessione. I nostri vicepresidenti nazionali, hanno favorito con la loro spiccata simpatia, un clima disteso e familiare. Con lo stile già sperimentato nei #cantieri Adulti un laboratorio di progettazione realizzato dagli incaricati regionali e la presidenza ci siamo posti domande che interrogano, per nulla aggressive o giudicanti, ma anzi molto profonde. Tante domande e poche risposte.

La prima riflessione è stata a cura di don Fabrizio De Toni , assistente centrale del settore Adulti . “Come e quando si diventa adulti?”

Rispetto al passato, quando bastava un matrimonio associato ad un lavoro per essere considerati adulti , quando per la maggior parte dell’umanità quelle scelte accompagnavano tutta la vita, oggi un adulto è in continuo cambiamento in base alle esperienze vissute di volta in volta . L’adulto di oggi è quasi “coriandolizzato”, in una società fatta di tantissimi piccoli pezzi . Ciò ovviamente non è rassicurante : la precarietà del lavoro, le tante famiglie lacerate , ferite ; la stanchezza e la paura del futuro e al tempo stesso il desiderio di raggiungere mete a volte fuori della nostra portata .

Una sorta di incertezza continua che ci rende tanti piccoli pezzi di un puzzle all’interno di una società , essendo noi stessi composti da un puzzle di mille pezzi. Essere adulti lo si diventa permettendo alle ferite di plasmarci ed insegnarci ad accettare la fatica e il fallimento, a staccarci dal nostro io e pensare al bene comune . Queste tessere , noi con tutte le nostre diversità , abbiamo il compito di comporre il grande puzzle che è la società . Che è la chiesa.

Una chiesa, un Ac attenta che deve sconfinare, cercare ed abitare luoghi che sono lo spazio di chi non frequenta le nostre comunità parrocchiali.

Da sentinelle ad esploratori , in “ospedali da campo”, alla ricerca di mettersi accanto all’altro e provare a comprendere i suoi bisogni . Come? Sicuramente con uno sguardo interessato, un dialogo che sia ascolto silenzioso, non giudicante ma accogliente . Ogni storia , ha sempre un valore inestimabile. Al suo interno c’è sempre il segno della Grazia. Essere, pur nella nostra fragilità, l’eco della voce di Dio , come ci è stato detto nella celebrazione eucaristica conclusiva domenicale.

Sarebbe bello creare una zona intermedia tra credenti e non, dove l’AC possa far scaturire le domande di senso che ognuno ha dentro di se. Discernere , entrare nelle situazioni dell’altro e affiancarsi a lui. La “lieta novella”, è per tutti. Nessuno escluso . Sappiamo bene che ancora oggi, per quanto si stia approfondendo uno “stile sinodale”, si respira un aria fortemente clericale, che molto poco guarda in giù e prova a confrontarsi . Ci siamo interrogati anche, sulla formazione dei nostri sacerdoti , che forse potrebbero crescere in età, sapienza e grazia, se vivessero il tempo della formazione restando nelle loro comunità. Nel mondo, come direbbero i Testimoni di Geova. (potrebbe, è sempre una domanda non una risposta).

Di fatto, comunque c’è, che questo tempo pandemico ha lasciato un segno importante e ci sfida a cambiamenti dovuti ad una umanità che ha vissuto la paura di un futuro ancora più incerto. Una umanità che ha ancora più domande e sempre meno risposte .

Una umanità, che ci chiede di metterci accanto come stile di vita, per testimoniare quella fede che professiamo così orgogliosi.

Si è adulti , quando ci prendiamo cura dell’altro, accogliendolo come dono senza voler tenere tutto e tutti sotto controllo, con la voglia di costruire insieme.

Dopo due anni, siamo tutti più fragili. Abbiamo sperimentato la solitudine, lo smarrimento, desiderato il quotidiano frenetico che ci aveva fagocitato e spesso non ci dava modo nemmeno di pensare . Oggi, credo personalmente, che sia stato positivo pur nella grande tragedia delle perdite che molti hanno vissuto . Ci chiede di rimetterci in gioco , in modo proficuo e meno superficiale … o meglio, non concentrato solo su se stessi .

Il presidente nazionale, Giuseppe Notarstefano, si è poi soffermato su come l’AC ha vissuto questo tempo. Una grande e generosa spiritualità ha accompagnato questi due anni, con tutti i mezzi possibili a disposizione. Senza guardare indietro , dovremmo vivere la novità di questo tempo , con fiducia e senza pensare ai risultati . Spendersi e fidarsi : due parole chiave che ci indicano la via da percorrere .

Le nostre comunità, vanno vissute come il luogo della Resilienza con la capacità di cambiare e guardare con fiducia al futuro : la storia non è finita, va verso la Resurrezione . Con la forza che ci viene dal Vangelo , non possiamo ignorare la croce come passaggio dalla morte alla vita.

La concretizzazione di tale forte affermazione, è stata la testimonianza di un giovane uomo che con straordinario coraggio ha raccontato brevemente come si è innamorato dell’Azione Cattolica . Gaspare Gaetano Trigona, è un giovane uomo che l’Ac Rossano–Cariati ha incontrato in carcere . Gaspare ha ringraziato mille volte perché sa di aver sbagliato , ma l’Azione Cattolica gli ha dato una seconda opportunità di sentirsi amato, accolto , in famiglia. Possibilità che nel quotidiano dopo la sua scarcerazione , il 25 Aprile, gli viene ancora negata anche solo per poter affittare una casa dove vivere . L’Ac mi ha scelto, ha raccontato commosso. È venuta da me. Ha invitato tutti i presenti, a raggiungere tutti quei luoghi dove l’uomo vive ai margini ,perché gli si salva la vita. Personalmente, in mezzo a tante bellissime riflessioni, credo che questa testimonianza che tanto onore fa alla diocesi di Cariati , sia stata illuminante per tutti.

Un Azione Cattolica che si interroga su strategie nuove al servizio della Chiesa e di Nostro Signore prima di tutto, deve mettere davvero su il grembiule e amare fortemente l’altro, ovunque sia, chiunque sia …ogni tanto abbiamo bisogno di ricordarlo .

Solo tutti insieme , tenendoci per mano , questi pezzi di PUZZLE comporranno un meraviglioso AFFRESCO: l’umanità che il Padre ha creato, il Figlio ha testimoniato e lo Spirito Santo guida .

INSIEME PER LA PACE

A cura di Antonella Caputo – Vicepresidente Adulti

Sabato 2 aprile piazza Garibaldi a Taranto si è riempita di voci e canti, e i colori di cento bandiere hanno urlato il “ NO “ a qualsiasi guerra che possa minacciare la vita umana, la sua dignità, la libertà e la tranquillità di ogni popolo.

Agesci e Azione Cattolica si sono unite per realizzare una veglia di preghiera e manifestare a gran voce il ripudio ad ogni tipo di violenza contro l’umanità , dichiarando chiaramente da che parte stare: dalla parte di Cristo e del suo messaggio d’amore.

Le insegne dell’Agesci e dell’Azione Cattolica si sono unite a quella della Pace per vivere un’esperienza unitaria di consapevolezza del momento buio che angoscia il mondo, con la speranza che si possa ritornare a vivere in un contesto libero dalle guerre, senza la paura che minaccia le nostre vite, uniti alla sofferenza delle vittime e alla speranza del domani. Bambini, giovani e adulti hanno risposto positivamente a questa chiamata riempiendo la piazza, e le invocazioni alla pace si sono alternate alla lettura del Vangelo e al messaggio del Santo Padre.

Era presente anche una delegazione del popolo Ucraino ed è stato importante far sentire la loro voce: c’è stata la testimonianza di una donna ucraina che vive in Italia che ha esternato, con le sue parole, tutta la sofferenza che vive la sua gente, ringraziando per la vicinanza, la solidarietà e l’aiuto materiale.
Ricordiamo che anche in Russia ci sono tantissime persone che sono contrarie a questo attacco, infatti subito dopo ha potuto parlare anche una donna russa, altrettanto sofferente per l’ingiustizia di una invasione che causa tante atrocità.

Le due donne si sono unite nell’imprimere l’impronta della loro mano su un telo bianco con al centro la scritta “PACE”.

Ma la veglia di preghiera aveva lo scopo, comunque, di gridare il nostro rifiuto a qualsiasi guerra in corso, senza distinzione. Ogni vicaria della diocesi di Taranto ha avuto un compito: realizzare una bandiera di stoffa con colori diversi , a seconda della vicaria, cucendo 8 quadrati insieme, su cui sono state scritte frasi sulla pace. Alla fine della veglia, queste bandiere si sono unite tra loro coprendo una vasta area, formando un unico tappeto ricco di intenzioni, colori e messaggi usciti dal cuore e dalla mente del popolo della pace, da chi sa che qualsiasi guerra non costruisce nulla, né potere né denaro, perché distrugge ogni cosa, non produce amore, né serenità né progresso.

L’ultimo intervento prima di tornare a casa lo ha regalato Sua Eccellenza Monsignor Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto, che ha voluto complimentarsi per l’iniziativa ed esortare a perseverare nell’idea di Pace, l’unica via possibile alla convivenza tra i popoli, l’unica certezza di vita, l’unico modo per essere felici.

Una serata fredda e ventosa non ha spento il calore dei presenti, perché erano tutti coscienti dell’importanza di essere lì, di schierarsi, di far sentire la propria voce, di guardarsi dentro per gridare che la Pace è il nostro dna, con la Chiesa e con Colui che ha dato la vita perché noi fossimo felici.

In una fresca sera d’estate

A cura di Antonella Caputo – Vicepresidente Adulti

Una serata organizzata dal Settore Adulti di Azione Cattolica per parlare di ripartenza, di suggerimenti, di appartenenza e fiducia. Ma soprattutto voglia di ritrovarsi, non per lasciarci alle spalle il periodo complicato della pandemia, che non è esaurito del tutto, ma per imparare a trarre da questa esperienza il senso del nostro vivere da cristiani pronti a comprendere il tempo che ci è imposto.

Riuniti nel chiostro del Villaggio Sant’Agostino di Martina Franca, abbiamo avuto il piacere di una numerosa presenza di amici, consiglieri, presidenza, segretari MSAC e del settore Giovani, che hanno reso possibile questa serata. Per coloro impossibilitati a presenziare ci saranno senz’altro altre occasioni perché capiamo che il periodo estivo può causare difficoltà.

L’introduzione del Vicepresidente per il settore Adulti Pasquale Massafra ha sottolineato soprattutto l’intenzione di ricominciare a camminare con fiducia e speranza. Non abbiamo ricette né soluzioni, ma la nostra storia di 150 anni ha percorso strade non certo sempre facili. E la storia la fanno le persone, con il loro entusiasmo, le loro energie, le loro convinzioni, il loro contributo, piccolo o grande. E con la Fede. Ribadendo l’idea di popolarità, proprio intesa come vicinanza alla gente.

La presidente Letizia Cristiano, sempre presente accanto agli aderenti AC, ha parlato di un argomento che è stato costantemente alla base del suo mandato: le relazioni. Ha esortato i presenti alla vicinanza, a comprendere i motivi di eventuali allontanamenti dall’associazione, alla comprensione di fragilità che possono turbare qualche socio.

E questo non per banali questioni di tessere, ma per realizzare la frase che ci accompagna: Una AC di tutti e per tutti. Perché l’AC non è la presidenza, i consigli parrocchiali, i responsabili di settore, ma ogni singolo associato, con la sua ricchezza e i suoi talenti, chiunque accolga l’offerta formativa di questa associazione vicina alla Chiesa e agli uomini.

Sì alle idee e alle parole, ma anche alla preghiera, base immancabile della nostra vita. Don Francesco Maranò ha letto e commentato il brano del Vangelo secondo Marco (4, 35-41 ), aiutandoci nella lettura e proponendoci spunti di riflessione, con semplicità ma con concetti incisivi,  ci ha raccomandato di vivere con maturità e stile il nostro quotidiano.

Antonella Caputo ha poi sintetizzato gli impegni suggeriti dal Centro Nazionale, marcando gli aspetti che riguardano l’importanza della cura dell’associazione, dei gruppi parrocchiali, che anche se poco numerosi, hanno la stessa importanza dei gruppi più consistenti, proprio perché ogni singolo associato è Azione Cattolica.

Maria Carmela Basile ha sintetizzato un po’ tutti gli argomenti della serata presentando un cartellone con alcune domande rivolte ai presenti, i quali non solo hanno risposto, ma hanno contribuito in maniera davvero interessante con idee e proposte, interagendo tra loro dando vita ad un incontro nell’incontro.

La conclusione è stata degna di un incontro tra amici che hanno molto in comune, che si ritrovano e scambiano saluti e sorrisi. Certo, i sorrisi erano ancora nascosti dalle mascherine ma gli occhi e il tono della voce non si possono imprigionare. Mascherine che sono state tolte al buffet organizzato per gli intervenuti, per consumare un fresco aperitivo gustato intorno all’artistico pozzo del chiostro.

Un incontro tra amici. Per ritrovarsi.

HO UN POPOLO NUMEROSO IN QUESTA CITTÀ

A cura di Antonella Caputo – Vicepresidente Adulti

Dal 25 aprile al 2 maggio si è tenuta la XVII ASSEMBLEA NAZIONALE dell’Azione Cattolica Italiana in modalità telematica, causa il prolungarsi dell’emergenza sanitaria.

L’Assemblea ha avuto il compito di rinnovare l’organico del Consiglio Nazionale e presentare il documento assembleare che accompagnerà la vita associativa nel prossimo triennio.

Circa 700 i delegati delle Diocesi di tutta Italia che si sono ritrovati su piattaforma a seguire e partecipare attivamente ai lavori, un numero elevato che ha impegnato non poco gli organizzatori.

I lavori si sono aperti col saluto del Presidente Nazionale uscente Matteo Truffelli che ha ricordato l’importanza del 25 aprile e ha fatto riferimento, naturalmente, alla pandemia che ha condizionato pesantemente la vita di ognuno di noi ma che non ha fermato il cammino di AC.

Truffelli ha parlato della “profezia della mitezza” che trasforma la storia con umiltà e mitezza e che ha avuto come esempi significativi persone come Bachelet, Armida Barelli, Carretto, Sturzo, Mazzolari e don Tonino Bello. Ai soci ha chiesto di rinnovare l’impegno nelle città, lungo i sentieri missionari, perché sia sempre più una AC in uscita, in questa Chiesa e per questa Chiesa, all’insegna della sinodalità come insiste Papa Francesco, invitandoci a seguire le sue parole. Perchè l’Azione Cattolica,  Truffelli l’ha ribadito con decisione, sta con Papa Francesco.

La giornata è proseguita con i messaggi di buon lavoro all’Assemblea, arrivati dal Santo Padre e dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Dopo il saluto iniziale trasmesso sui canali social di AC e Youtube i lavori sono proseguiti su piattaforma riservata ai soli delegati, i quali hanno avuto un po’ di tempo per seguire le spiegazioni tecniche che avrebbero permesso loro di cominciare il lavoro per cui sono stati chiamati.

E’ stato presentata la bozza del documento assembleare , sottoposto all’attenzione dei delegati che, divisi in gruppi, hanno analizzato ciascuno un punto in particolare decidendo se fare modifiche al documento stesso. Tali modifiche sarebbero poi state portate all’attenzione di tutti i delegati riuniti in plenaria e votati.

Il dibattito sul documento assembleare e la possibilità per tutti di presentare emendamenti è un esercizio di democrazia che caratterizza e nobilita un’associazione come la nostra.

Le serate del 27 e del 29 aprile sono state in chiaro, visibili a tutti. Il 27 aprile abbiamo ascoltato alcune testimonianze relative al “prendersi cura”: un ponte di volontariato tra l’Italia e la Terra Santa e l’impegno di suore cattoliche e laici che a Betlemme mandano avanti HOGAR NINO DIOS prendendosi cura di bambini in difficoltà e rifiutati dai genitori perché gravemente malati. Si è concluso con un momento di preghiera.

Il 29 aprile un altro momento di approfondimento che ha avuto come tema “Sulla stessa barca”.

Sabato 1° Maggio si è entrati nel vivo dei lavori assembleari, deliberando e votando tutti gli emendamenti arrivati ai coordinatori dei vari gruppi.

Ogni delegato ha ottenuto una scrivania virtuale per permettere di esprimere il proprio voto in perfetto anonimato e, volendo, di presentare emendamenti personali diversi dal punto che il suo gruppo ha esaminato. Ovviamente questo ha richiesto moltissimo tempo. Le votazioni sono proseguite fin quasi alla mezzanotte, poi sospese e riprese l’indomani. Ma intanto si è votato anche per il nuovo Consiglio Nazionale ma su piattaforma diversa: ogni delegato ha espresso le proprie preferenze ricevendo un codice identificativo segreto di accesso per votare e nonostante qualche incertezza tutto si è svolto rapidamente.

Nel pomeriggio del 2 maggio si è votato il documento finale che sarà diffuso quanto prima, è stata votata ancora una mozione, aggiunto un contributo dei ragazzi ACR al documento assembleare, quindi i nuovi eletti e le loro Diocesi:

ACR : LOVATO ( Verona ) – D’ANTONI ( Cefalù )– TIBALDI  ( Alba ) – D’ANGELO  ( Teramo-Atri) – MACCHIAVELLO ( Genova ) – TELESCA ( Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo ) – ZAMBON ( Milano )

GIOVANI : ZARDI ( Imola ) – GITTO ( Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela ) – BENEDETTO ( Mondovì ) – CARROZZA ( Sulmona-Valva ) – SERENI ( Terni-Narni-Amelia ) – TORRINI ( Fiesole ) – BIANCHI ( Brescia )

ADULTI : FRATINI ( Fiesole ) – BOSSIO ( Ancona-Osimo ) – PANZANI ( Milano ) – PAPARELLA ( Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi ) – MELI ( Ragusa ) – DE SANTIS ( Cosenza-Bisignano ) – CARROZZO ( Brindisi-Ostuni )

Prima di chiudere la XVII Assemblea Nazionale un emozionato e commosso Matteo Truffelli ha salutato con vari ringraziamenti chi lo ha accompagnato in questo settennato di Presidenza AC, citando, per 6 volte, lo stesso verbo-impegno; amare.

AMARE il nostro tempo come seminatori di speranza, non diffondendo paure e timori.

AMARE il nostro mondo tenendo presente l’ecologia integrale che tanto sta a cuore a Papa Francesco, prendendoci cura del nostro territorio.

AMARE la Chiesa, camminando con quella locale, italiana e mondiale,

AMARE la gente, soprattutto i piccoli, i poveri, gli emarginati. Ricordiamoci che siamo popolo di Dio.

AMARE chi si affida alla nostra passione educativa, impegno verso tutta la società civile.

AMARE l’AC, speranza di migliaia di persone: raccontarla, promuoverla, sostenerla.

Tutto questo perché l’AC, come disse il vescovo Mansueto Bianchi, assistente ecclesiastico di Azione Cattolica, “Siete una Chiesa bellissima”.

Termina qui questa anomala Assemblea Nazionale, in cui tutto è anomalo a causa di una pandemia che ci ha piegati ma non sconfitti.

Ringrazio anch’io la Presidenza Diocesana che ha voluto coinvolgermi in questa esperienza e che mi è stata accanto aiutandomi e sostenendomi.

E ringrazio anch’io l’AC .

Promuovere la nostra Associazione, farla conoscere, è un impegno davvero necessario, perché l’AC è uno scrigno pieno di pietre preziose che prendono luce dal Vangelo. La luce del Vangelo deve essere per tutti!

“NELLE MANI DEL RISORTO” – L’esperienza degli Esercizi Spirituali online

A cura di Antonella Caputo – Vicepresidente Adulti

Dal 12 al 14 marzo si sono svolti gli esercizi spirituali dell’Azione Cattolica. Neanche quest’anno si è voluto rinunciare a questo sentito appuntamento che non ha potuto vederci in presenza, ma grazie all’uso dei mezzi tecnologici a nostra disposizione si è potuto ovviare a questa mancanza.

Wathsapp e piattaforma online ci hanno permesso di riunirci per pregare, meditare e confrontarci con la guida del nostro assistente don Carmine Agresta. La modalità è stata pensata e organizzata dalla Presidenza e dalla Commissione web di AC, i quali hanno lavorato con impegno e attenzione affinché gli esercizi spirituali potessero effettuarsi al meglio nelle condizioni attuali.

Le meditazioni erano incentrate sull’Apocalisse di Giovanni, un libro dal forte valore simbolico che ha interessato e incuriosito i vari partecipanti a questo appuntamento: ogni mattina sul canale Youtube della nostra associazione (Azione Cattolica Taranto) abbiamo ascoltato il commento delle prime 3  lettere alle 7 chiese dell’Asia Minore.

Il commento autorevole di don Carmine ci ha accompagnato nelle comunità cristiane di EfesoSmirne e Pergamo, introducendoci alla bellezza del messaggio del Risorto a loro inviato, lasciandoci spunti di riflessione da meditare durante la giornata.

Abbiamo conosciuto meglio EFESO , fedele alla sua dottrina ma dimentica del suo “primo amore”; SMIRNE e la sua minoranza di dinamica comunità  cristiana; PERGAMO città pagana tollerante coi cristiani purché adorassero l’imperatore.

La sera, su piattaforma, abbiamo potuto ritrovarci per un momento comunitario, per pregare ma anche per condividere ciò che la Parola meditata ha suscitato in noi.

Abbiamo raccolto i commenti di alcuni partecipanti per capire se e quanto abbiano gradito questo incontro che con questa modalità online ha comportato, ne siamo consapevoli, un piccolo sacrificio in termine di attenzione e di raccoglimento spirituale.

Sottolineo l’attenzione dell’AC verso le esigenze spirituali degli aderenti e ho considerato la lettura delle pagine proposte come attuali e profetiche, riuscendo a ritagliarmi spazi di preghiera pur nel caos della quotidianità, una vera sfida che ho vinto in un tempo in cui siamo sempre connessi

GABRIELLA IAVERNARO

Una esperienza molto positiva; in questo momento  connettersi online era l’unica scelta possibile e l’AC ce l’ha offerta. Impossibilitati a creare un adeguato spazio di silenzio, la modalità impostaci dalla pandemia ha comunque reso possibile entrare in profondità nella parola di Dio scoprendo un testo non facile che, grazie alla presentazione su YOUTUBE, consente il riascolto.

MARIA CARMELA BASILE

Tecla gioca sul neologismo PAD , preghiera a distanza, che ha permesso comunque di fermarsi un momento in casa tra le tante attività quotidiane per mettersi nelle mani del Risorto, l’unico che non ha mai sperimentato la distanza.

TECLA ZANI

L’esperienza del deserto in città ha permesso di meditare la Parola e pregare tra gli impegni quotidiani, evento faticoso ma rivelativo della nostra continua spiritualità animata dallo Spirito Santo. Angela sottolinea la qualità delle meditazioni proposte visualizzate da un numero elevato di persone e l’arricchimento reciproco delle collatio serali

ANGELA GIUNGATO

Tutto ciò che è nuovo spaventa un po’ e gli esercizi spirituali in virtuale lo era ancora di più. Ma quando si realizza che la casa diventa realmente chiesa domestica tutto diventa normale perché la quotidianità della vita diventa se stessa esercizio spirituale.

PASQUALE MASSAFRA

La difficoltà a ritagliarsi spazi e momenti di vero deserto in mezzo alla realtà quotidiana che ci impegna c’è stata, ma ho potuto ugualmente apprezzare queste meditazioni che don Carmine ha reso semplici e comprensibili collegando il testo dell’Apocalisse ad altri passi della Sacra Scrittura. Un’esperienza che mi ha fatto riflettere sulla vita attuale e sulla situazione della Chiesa in questo tempo.

LETIZIA CRISTIANO

Queste sono alcune considerazioni che abbiamo raccolto. Sono state, naturalmente, sottolineate le difficoltà che tutti noi abbiamo riscontrato ma che ci hanno reso consapevoli del fatto che un cammino accidentato non può cambiare il nostro percorso, non lo può fermare.

La Parola continua ad essere luce che illumina i nostri passi e noi, come soci di AC, siamo chiamati ad essere testimoni attivi e fedeli in qualsiasi tempo.

Grazie agli organizzatori, a don Carmine e a tutti coloro che hanno partecipato a questi esercizi spirituali un po’ particolari.

Aspettiamo con fiducia tempi migliori continuando il nostro cammino al fianco del Risorto.

Il termine Pace

A cura di Antonella Caputo – Vicepresidente Adulti

Il termine Pace, come il termine Amore, indica la non violenza interiore. Papa Francesco, citando Paolo VI, descrive il cammino verso la pace come l’unica e vera linea dell’umano progresso. 

L’esempio ce lo consegna Gesù di Nazareth nel discorso della montagna sulla vera felicità, nell’amore per gli ultimi e l’indipendenza dai potenti, nel coraggio con cui morì per amore fedele alla verità e all’umanità, difendendosi unicamente con gesti e parole di verità. Gesù ha lottato contro il male con la pura forza dell’amore. 

Questo è anche un messaggio rivolto ai leader politici e religiosi, è una sfida a costruire la società e la comunità con lo stile degli operatori di pace. Vivere in pace dovrebbe essere una condizione unica e imprescindibile per considerarci popolo evoluto, e nella pace piena si devono considerare anche le libertà dell’individuo: libertà di parola, di opinione e di scelta.  E gli ostacoli alla pace sono molti: pregiudizio, egoismo, indifferenza sembrano meno visibili e quindi meno dannosi degli ostacoli palesi quali guerra, sfruttamento, diseguaglianza economica.  La pace, invece, ha bisogno di servizio e amore per contrastare questo disagio.  Se l’idea di pace viene associata solo all’assenza di guerra ecco che risulta un concetto debole, confuso e generico e quindi sottoposto a strumentalizzazioni, ma bisogna associarla al suo reale significato: una società in cui tutti gli esseri umani possono godere dei propri diritti come frutto maturo di giustizia. 

” La pace che pronunciate con la bocca diventi opera delle vostre braccia”

San Francesco

La grammatica della cura

A cura di Maria Carmela Basile – Consigliere diocesano

Per anni ho insegnato anche grammatica ma mai avrei pensato di collegare i due termini:grammatica e cura che Papa Francesco (non smette mai di stupirci), ha strettamente messo in relazione nel Messaggio per il 1°Gennaio.

Da 54 anni non è una novità il Messaggio per la Giornata della Pace che, puntualmente, i vari papi ci hanno offerto; è un messaggio importante per chi ha a cuore le sorti dell’umanità, per la Chiesa e, per noi di ACI in particolare che concludiamo, in sintonia con l’ACR, il primo mese dell’anno, con la Festa della Pace.

Il titolo dato al messaggio di quest’anno è: “La cultura della cura come percorso di pace”.

Il messaggio, suddiviso in paragrafi, sin dalle prime frasi, esprime l’anelito del Papa, manifestato anche nell’intervista di qualche giorno fa “Il mondo che vorrei”; il desiderio è che “l’umanità progredisca sulla via della fraternità, della giustizia e della pace fra le persone, la comunità, i popoli e gli Stati”, nonostante i vari aspetti della crisi odierna, resi più evidenti dalla pandemia.

L’espressione percorso, all’interno del titolo del messaggio proietta il lettore attento in una dimensione di cammino, itinerario educativo proprio perché , affinché si diffonda una cultura di pace, è necessario educare alla pace.In realtà , così come, seguendo le regole di grammatica ci si allena ad esprimersi bene ,seguendo la grammatica della cura ,ci si educa alla pace.

Ma, quali sono i principi, i criteri della “grammatica” auspicata dal Pontefice? Senza mezzi termini, in maniera chiara e tassonomica, Papa Francesco li elenca: la promozione della dignità di ogni persona umana, la solidarietà con i poveri e indifesi,la sollecitudine per il bene comune e, non ultimo per importanza, la salvaguardia del creato.

Ogni elemento della grammatica della cura merita attenzione,studio, riflessione, discernimento e preghiera da parte di ciascun uomo,qualunque sia il suo credo religioso in quanto elementi fondanti per la costruzione della pace. Ogni cristiano , ancor di più, dovrebbe sentirsi interpellato personalmente e comunitariamente come testimone , nella vita quotidiana, del Principe della Pace.

Non è un percorso facile, ogni giorno si sperimenta la fatica e ciò richiede fede, forza, coraggio e…allenamento.

Quanti esercizi di detta grammatica dovremmo fare ogni giorno per essere veri seguaci di Gesù!

Dobbiamo allenarci molto ,come individui, come comunità sociale e ecclesiale , come associazione per debellare la cultura dell’indifferenza, dello scarto e dello scontro contribuendo alla realizzazione dell’accorato invito del papa” …siamo tutti sulla stessa barca ,tutti fragili e disorientati…ma importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme”.Non abbiate paura, avrebbe detto un altro grande papa.